L’umiltà di Dio è la dignità dell’uomo!

Umiltà:

il Cristiano,  il monaco è Santo!

Sciocchezze, questa è superbia non umiltà!

Eppure. il primo – non voglio dire gradino, offenderei S. Benedetto – fondamento dell’umiltà è accettare l’umiltà di Dio. L’unico che sa cosa sia l’umiltà, è il Signore:

2 Cor 8, 9, “Conoscete infatti la grazia del Signore nostro Gesù Cristo: da ricco che era, si è fatto povero per voi, perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà”.

Per arricchire noi “svuoto se stesso”:

Fil 2,5-11, “Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù, il quale, pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini; apparso in forma umana, umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce. Per questo Dio l’ha esaltato e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni altro nome; perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra; e ogni lingua proclami che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre”.


 


 

Categoria:
Descrizione

“Gli umili, capiscono l’umiltà di Dio.

Che cosa, poi, ci abbia conferito l’umiltà di tanta sublimità.

La fede dei cristiani lo comprende, ma è lontano dai cuori degli empi.

Dio ha nascosto queste cose ai sapienti e ai prudenti

e le ha rivelate ai piccoli”.

 

  

La giovinezza dei santi si rinnova come la vita dell’aquila,

e nella Chiesa di Dio  germogliano come i gigli.

(Antifona dei vespri della festa di tutti i Santi adattamento di Is 40,31; Sl 1,3; Sl 83,3;  Sir 39,19)

 

 

Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’umiltà di Dio è la dignità dell’uomo!”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.